Anna Troisi

"Get the Flash Player" "to see this gallery."

Composizione sonora per voci e suoni d'ambiente, 2007/2008

Il lavoro sul suono svolto con i bambini delle scuole elementari e medie prende ispirazione dalla musica concreta che ebbe origini dalle esperienze del compositore francese Pierre Schaeffer nel 1948.

"Siamo abituati a sentire i suoni della vita quotidiana senza ascoltarli veramente in tutti i loro aspetti. Il processo creativo è iniziato in classe con la produzione di suoni in forma corale utilizzando gli oggetti e la voce, poi abbiamo lavorato sulla consapevolezza dei volumi, dell'altezza e la durata di un suono. Nella seconda fase i bambini sono usciti  dalle classi a cercare i suoni della città e a conservarli metaforicamente per un riuso successivo in senso compositivo. Abbiamo cercato i suoni del cantiere, del parco, del traffico, le voci degli abitanti. Ognuno di loro ha registrato giò che ha ritenuto interessante in senso sonoro e non didascalico. Con i ragazzi delle scuole medie abbiamo potuto analizzare il materiale registrato dai bambini e visto assieme come ha inizio un processo compositivo di trasformazione di un suono e di creazione di un pezzo di musica concreta" (Anna Troisi)


Anna Troisi è una compositrice ed esecutrice di musica sperimentale elettroacustica. Usa l'elettronica assieme ad oggetti amplificati e strumenti elettroacustici autocostruiti per creare esperienze sonore personali.

Ha iniziato i suoi studi di pianoforte classico all'età di sei anni spostando i suoi interessi verso lo studio della composizione istantantanea con il maestro Tristan Honsinger. Ha studiato armonia e direzione corale con il maestro Giorgio Vacchi, al quale deve la testardaggine acquisita nel perseguire i propri obiettivi artistici.

Ha scritto musica per teatro in diversi progetti ( "Il requiem di Adelchi", "Majakovsky Pictures" di Giovanni Sarti and "Vedentinonvedenti", un'opera multimediale sponsorizzata da "Bologna 2000, capitale europea della cultura").

Ha composto musiche per pellicola ("perdersi di vista" di Nico Maccentelli e "madreperla" di Daniela Stara).

Ha lavorato nel campo della "computer music" nel centro di ricerca SCRIME (Studio de Creation et de Recherche en Informatique et Musique Electroacoustique) presso l'ENSEIRB (Ecole Nationale Superieure Electronique, Informatique e Radiocommunications) Università si Bordeaux (FR). Completati gli studi in Informatica presso l'università di Bologna, sta ora completando un PhD in Nanotecnologie.

Ha suonato con Tristan Honsinger, Luigi Mosso, Abi Fabrizio Rota, Mirko Sabatini, Cristiano De Fabritis, Renato Ciunfrini. Nel 2001 ha suonato in tour con Leyna Papach (Amsterdam), Carla Bozulich (Los Angeles), Nels Cline (Los Angeles), Claudio Parodi, DjWjm, Edoardo Ricci.

Nel 2002 ha suonato in Francia con Mathias Pontevia (Bordeaux), Thomas Bonvalet "Cheval De Frise" (Bordeaux), Yann Saboia "Api Uiz" (Bordeaux).

Nel 2004 ha suonato in Italia con John Berndt e Dan Breen (Redroom Baltimore) invitando altri musicisti italiani e non (Vincenzo Vasi, Cristiano De Fabritiis, Mike Cooper).

Ha cantato nel "Fheral Choir" di Phil Minton (Angelica Festival 2004). Nel giugno 2004 ha suonato in tour negli Stati Uniti (Maryland,Pensilvania,North Carolina) con Dan Breen, John Berndt, Jack Wright, Paul Neidhardt, Chiara Giovando. Ha suonato nel festival di musica riduzionista "No Net Festival" direttore artistico Jack Wright. In questo festival ha suonato con Ricardo Arias (NY), Mike Balistreri (NM), Dan Breen, Charles Cohen, Mazan Kerbaj (Beirut, Libanon), Paul Neidhardt, Vic Rawlings, Nate Wooley, Jack Wright.

Ha suonato per il "TRIALOGO festival 2007" dopo una residenza presso "Cittadellarte" di Biella, fondazione Pistoletto (con Yuval Avital, Wisam Gibran, Federico Puppi, Mariano Nocito).

Ha suonato per "Evangelista's Carla Bozulich Italian Tour" 2007.

strumenti usati live: strumenti elettronici autocostruiti, violoncello, pianoforte, sinth, microfoni, oggetti amplificati, giocattoli, campioni, organetto diatonico.